Care deontologia e tutela professionale, che fetta di bilancio dell’Ordine vi meritate?

di Roberta Cacioppo

Se pensi come la maggioranza, il tuo pensiero diventa superfluo.

Paul Valéry

Ormai da più di 3 anni siedo <<all’opposizione>> nel Consiglio dell’Ordine della Lombardia, e cerco di non stare zitta né dentro, né fuori dalle riunioni. Dovere di rappresentanza! 😀

Oggi vorrei proporre qualche riflessione sul bilancio di previsione per il 2018. La premessa sostanziale è che il bilancio di previsione è l’espressione concreta della volontà politica di chi governa. Attraverso di esso si decide come distribuire la disponibilità economica dell’ente sulle varie voci, evidentemente privilegiandone alcune e limitandone altre.

Leggi il seguito

Il Codice Deontologico è diventato cangiante?

di Roberta Cacioppo

Negli ultimi anni nei nostri studi registriamo una maggiore presenza di ragazzi infra diciottenni. Le richieste sono tante. Per questo stiamo pensando di variare anche il nostro codice deontologico, che prevede per i minori il consenso dei genitori, affinché anche il sedicenne possa accedere all’assistenza psicologica in modo autonomo“.

Questa una dichiarazione del nostro Presidente nazionale dell’Ordine degli Psicologi – Fulvio Giardina – in occasione della giornata nazionale della psicologia, svoltasi il 10 ottobre 2017.

Mi ha molto sorpresa apprendere in questo modo dell’eventualità di una modifica del Codice. Posso solo sperare che si tratti di uno di quei casi in cui il giornalista ha condensato un pensiero alterandolo… ma questo non spiegherebbe il virgolettato e l’assenza (almeno che io sappia) di smentite da parte del dottor Giardina.

Mi domando innanzitutto: c’è consapevolezza del fatto che il Codice Deontologico sia modificabile solo attraverso referendum?

E ancora più importante: sappiamo che il Codice non può essere modificato contra legem? Cioè che esiste una normativa civilistica di rango superiore, quindi il Codice non può stabilire cose diverse da quelle previste per legge?

Leggi il seguito

All’OPL la deontologia è in sofferenza.

di Roberta Cacioppo e Mauro Grimoldi

Per l’impatto che ha sui colleghi e sui cittadini, la deontologia è uno dei compiti più importanti e delicati che un Ordine professionale porta avanti.

A oggi, per legge, sono gli stessi consiglieri dell’Ordine che votano per l’apertura di un procedimento o per la sua archiviazione, che sentono i colleghi in consiglio e stabiliscono la graduazione dell’eventuale sanzione (avvertimento, censura, sospensione e, in casi estremi, la radiazione).

La possibilità di errore, la leggerezza, la decisione arbitraria o “politica” avrebbe il sapore di un’iniquità perpetrata ai danni della comunità intera, non solo del singolo collega di cui si valuta l’operato.

Leggi il seguito

Un’”indagine di mercato” da centomila euro

Ci sono tre fatti in questa storia. Primo fatto. Il 01/12/2016 la Giunti Editore si è regolarmente aggiudicata il più ricco bando nella storia di Opl con una proposta ottima. Irraggiungibile. Il bando riguardava la fornitura di voucher per un totale di 108.525 euro. Secondo fatto. Il CNOP ha istituito un gruppo di lavoro Giunti (vedi). Che cosa faccia … Leggi il seguito

Speciale inchiesta OPL, dall’Ordine Bancomat all’Ordine Groupon? Prima parte.

L’esito delle elezioni ENPAP dimostra che il modello OPL di Ordine per cui “l’etica è un fatto individuale” ha decisamente fallito.

In quattro articoli Mauro Grimoldi spiega in un’inchiesta esclusiva perché non imitare l’Ordine Psicologi della Lombardia.

Leggi il seguito

Deontologia for dummies – “Siamo tutti un po’ psicologi?”

di Roberta Cacioppo “Siamo tutti un po’ psicologi?”. Purtroppo a volte sembra che siano – alcuni – psicologi stessi ad avallare questa pessima affermazione. Il nostro codice deontologico, in quanto tale, si radica in un’etica professionale condivisa, all’interno della quale il professionista è costantemente in rapporto con il proprio lavoro: nella sua prospettiva storica e … Leggi il seguito

Il mio impegno in politica professionale: dopo il cambio

di Roberta Cacioppo Ad un certo punto del mio impegno all’interno della politica professionale, ormai più di un anno fa, ho lasciato il gruppo politico di cui facevo parte per associarmi ad AltraPsicologia: scelta importante, che ha pesato per diversi mesi su di me e sui rapporti con alcuni colleghi che non l’hanno presa tanto … Leggi il seguito

La tutela della professione di psicologo come promozione del diritto alla salute

di Roberta Cacioppo

info_abuso_psicologo01Art. 32 della Costituzione: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività.”

Counselor, life coach, costellatore, consulente filosofico, reflector, pedagogista clinico, motivatore, terapeuta olistico, … sempre più spesso si trovano in giro volantini o si incappa in siti internet di persone che promuovono la propria attività con questi nomi.
Attività che, di fatto, prevede l’offerta di servizi simili, e spesso addirittura sovrapponibili, ad alcuni dei compiti di competenza dello psicologo, come il sostegno psicologico, la promozione del benessere, in alcuni casi – purtroppo- persino la psicoterapia.

Leggi il seguito