Il 20 Maggio (anche) gli psicologi possono dire “no!” ai muri (con un clic).

di Roberta Cacioppo e Mauro Grimoldi

Basta con i muri. Basta con la retorica individualista de: “se vogliono l’accoglienza li accolgano a casa loro”, variante del più insidioso e datato “aiutiamoli nei loro Paesi”. Da cui in molti fuggono dalla guerra, per dare un futuro ai propri figli.

E basta pure con il razzismo mascherato di chi “non ha niente contro – i neri, i musulmani, gli omosessuali, ecc ecc – ma….”.

Non ci stiamo alla retorica proiettiva della paura dell’altro, dell’idea di invasioni in corso e dei nuovi muri che isolano.

Leggi il seguito

Massimo Recalcati alla Leopolda, come ‘Misery’

“Misery non deve morire” è una storia d’amore. Di un amore però cupo e sordo di gelosia, incapace di sopportare la separazione e il lutto. E’ l’amore di Annie per il personaggio di un serial. Incapace di sopportare la fine della saga di Misery, Annie rapisce lo scrittore inventore del personaggio e in una celebre scena lo immobilizza e con una possente mazza gli spezza la caviglia per impedirgli di realizzare il suo proposito e porre termine alla vita letteraria della sua eroina. E’, la storia di Misery che non deve morire, un emblema della difficoltà di cambiare.

Leggi il seguito

Tutela dei diritti umani e azioni contro le discriminazioni

di Roberta Cacioppo

Un blog dedicato a temi che riguardano la tutela dei diritti umani e le azioni contro le discriminazioni determinate da situazioni di minoranza o di fragilità.

Dal 2015 faccio parte del gruppo dei volontari che gravita attorno al progetto visionario di Pierfrancesco Majorino, Assessore Politiche sociali, Salute e Diritti del Comune di Milano.

Diritto alla genitorialità, omosessualità, salute e libertà di scelta,

violenza di genere, laicità, pari opportunità, attualità

sono alcune tematiche di cui ho scritto per il blog de “Gli Intrusi”,

e che trovi elencati qui.

Leggi il seguito

Quattro ingredienti per rendere virale un delirio collettivo: l’esempio del gender.

Secondo Luigi Zoja, che ci ha scritto un magnifico saggio, l’idea paranoica è contagiosa e pericolosa. L’estate 2015 appena conclusa è stata contraddistinta dall’opprimente canicola e dalla circolazione virale di una di queste idee, il concetto di “gender”. Se ne è parlato ovunque, sui social network, nelle piazze, nei convegni, sui giornali, in TV. Esiste? Non esiste? Fa … Leggi il seguito

C’è ancora chi ha dubbi sull’illegittimità delle “terapie riparative dell’omosessualità”?

di Roberta Cacioppo [documento redatto su richiesta del progetto Italia Unita per la Scienza] Contesto. Prendo spunto da un convegno organizzato da Regione Lombardia con tanto di logo Expo, il cui titolo è “Difendere la famiglia per difendere la comunità“, che si è tenuto a Milano sabato 17 gennaio. Altri organizzatori sono Alleanza cattolica, Fondazione … Leggi il seguito

Sei buone ragioni per non riparare un omosessuale

Mamma sono gay. Se i più tra i genitori di fronte ad una simile dichiarazione se ne faranno una ragione una minoranza determinata tra questi correranno ai ripari, cercando soluzioni più o meno magiche che ripristinino la rassicurante eterosessualità. Tra i discussi tools che si rendono disponibili al disperato genitore -ma anche al gay più … Leggi il seguito

Non esiste salute senza salute psichica

Un esperimento che brutalmente lo dimostra e che oggi non passerebbe le commissioni etiche di nessun ospedale ma che viene sovente ricordato in letteratura è senz’altro quello di Federico II di Svevia nel secolo XIII. Egli voleva infatti scoprire se i neonati parlassero la “lingua originale”, “la lingua di Adamo”, escogitando un esperimento crudele quanto emblematico: “A … Leggi il seguito